AiParroci  della Diocesi, e ai loro collaboratori delle Caritas Parrocchiali

Carissimi,

sono passati diversi mesi dall'inizio dell’Emergenza Coronavirus.

Fortunatamente stiamo vedendo i risultati degli sforzi fatti per combattere il propagarsi del virus, stanno riaprendo tante attività e stiamo andando verso una nuova normalità.
Sicuramente questa fase ha messo a dura prova la tenuta sociale, e i poveri sono quelli che hanno maggiormente pagato questa crisi.

Stiamo incontrando nuove povertà e stiamo modificando il nostro stile di vita e il nostro stile pastorale.
La Caritas Diocesana, le nostre Caritas parrocchiali e i Centri di Ascolto sono stati costretti a modificare il loro operato, e questa emergenza ci ha offerto l’opportunità di ripensare il nostro essere prima ancora che il nostro fare.

Finalmente siamo riusciti anche a coinvolgere tanti giovani e tante persone nuove, soprattutto nelle attività diocesane della mensa di Latina e della distribuzione a domicilio dei pacchi alle famiglie.

Oggi la parola “opportunità” ci pare quella che rappresenti meglio questo momento storico, senza dimenticare le fatiche di chi si è trovato ad intensificare moltissimo gli sforzi o di chi ha vissuto il limite dello stare a casa perché anziano e per questo più a rischio di altri.

Ma possiamo cogliere questa opportunità se proprio ora, nel momento in cui i bisogni delle famiglie e dei più poveri emergono ancora in tutta la loro drammaticità (quante persone sono ancora a casa senza lavoro e senza ammortizzatori sociali? da quanto tempo sono già terminate le risorse dei buoni spesa offerti dai Servizi Sociali? quanti guardano al loro futuro prossimo e lontano come ad un pauroso salto nel buio?), come Caritas, come Chiesa, chiuderemo "per ferie" le nostre attività e la nostra disponibilità, la nostra solidarietà e la nostra vicinanza, che con generosità e vera fraternità abbiamo continuato a mostrare in questi mesi di emergenza?

Per questo, come Caritas Diocesana, vi chiediamo sia di continuare a curare i poveri che si rivolgono alle nostre porte per chiedere un aiuto (o forse ci chiedono di andare alla loro porta a offrire speranza!), sia di riscoprire la nostra propensione ad essere animatori di comunità sempre più inclusivi verso chi soffre, rinnovando il nostro modo di essere e di pensare, anche in questo periodo estivo.

Per qualsiasi esigenza, contattateci via mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Vi sosterremo nelle vostre attività!

 

La Caritas Diocesana

Iscriviti alla Newsletter




Joomla Extensions powered by Joobi